I due fattori che individuano il buon risparmiatore
Little boy saving money in a jar

I due fattori che individuano il buon risparmiatore

Esiste, in una larga fetta dell’opinione pubblica, l’idea che il buon investitore sia il tizio armato di calcolatrice e computer e che studia complesse formule matematiche. Vi do una notizia: non ė così.

In questo articolo (breve e sintetico, rispetto ad altri che troverete su questo Blog), vi svelo i due veri indizi da cui emerge la bontà e la qualità dell’investitore o del semplice risparmiatore.

1 – FISSARE GLI OBIETTIVI

La vita senza una meta è solo vagabondaggio (Seneca)

Sembra una banalità ma la prima cosa da fare è proprio quella di chiedersi “perché sto mettendo questi soldi da parte?” “Quale obiettivo voglio raggiungere? E la risposta può essere di qualsiasi genere: una macchina, una casa, un viaggio, l’università di mio figlio, la pensione…

I motivi per risparmiare sono innumerevoli e non ve li può suggerire il vostro consulente, perché hanno a che fare con la vostra vita futura, con vostro benessere futuro, con la realizzazione dei vostri desideri.

Il motivo per cui fatichiamo a fissare degli obiettivi futuri non dipende dall’essere tendenzialmente dei cazzoni (certo, quello aiuta), ma ha un nome ben preciso: distanza psicologica, ovvero lo spazio soggettivo che percepiamo tra noi stessi e le cose o gli eventi futuri. Ciò che è lontano ci coinvolge meno, tendiamo a non pensarlo per non doverci porre il problema.

2 – FISSARE IL TEMPO

Un obiettivo senza una data certa di realizzazione resta solo una buona intenzione. (Maggio)

Dopo aver fissato l’obiettivo dobbiamo darci un tempo adeguato e certo per raggiungerlo. Se il mio obiettivo è l’università di Jacopo, che adesso ha 5 anni, dovrò fissarmi un orizzonte temporale di 14 anni. Se il mio obiettivo è un viaggio in Australia per godermi l’aurora boreale (covid permettendo), lo fisserò in un periodo breve; se il mio obiettivo è la pensione, calcolerò gli anni che mancano al raggiungimento dei 67.

CONCLUSIONE

Una volta fissate su questo ipotetico asse cartesiano del vostro futuro le ascisse e le ordinate di obiettivo ed orizzonte temporale, sarà facilissimo sapere quanto e come devo investire/risparmiare.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.